Cambia tutto, niente cambia. Pandemia e società.

Intervista infingarda a Sonia Bertolini, docente di sociologia Università di Torino

rassegna "Sguardi politico sociali"

Epidemiologi, virologi, economisti: nel panorama di esperti andati in onda a tutte le ore e su tutti i canali in questi ultimi mesi, manca o quasi una categoria che pure ne avrebbe parecchie, di cose da dire.
Perché la pandemia ha cambiato profondamente la società e niente sarà più come prima.
Oppure: perché la società, cioè noi, non è cambiata affatto e dopo la pandemia tornerà tutto com'era.

Tra i due estremi, parecchie tracce da analizzare e approfondire: la comunicazione istituzionale e mediatica, il significato di 'isolamento' nella famiglia tradizionale italiana, la condizione femminile in tempi di segregazione, gli scenari lavorativi futuri, in generale e per i giovani.

Uno sguardo sociologico alla pandemia.

 

 

Condividi

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to Twitter