una zona franca

Una zona franca nella metropoli, un altro pezzo di resistenza urbana e soprattutto umana.

Il Molo di Lilith sta per aprire le sue porte a chi è convinto che l'arte, la militanza e la condivisione abbiano ancora un senso;
va da sé che il vino troverà largo spazio, ovviamente nella sua dimensione critica ed enodissidente.

Datemi retta, state tuned. And free.

Marco Arturi, in un blog enodissidente

Condividi

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to Twitter