presidio di resistenza culturale

 

 


circolo Arci
ingresso riservato
ai soci Arci


via Cigliano 7
Torino


accesso disabili

Oggi al Molo

01
Dic
Ora: 19:30
Non un ristorante, più una bocciofila o una piola. Dove però trovi solo prodotti naturali, di contadini e vignaioli, conosciuti e scelti, olio, verdure, carne, vino vero, birre artigianali, liquori naturali. Un

01
Dic
Ora: 21:30
Con Nathalie Bernardi.
Testo di Adriano Marenco.
Regia di Lucia Falco.


Se una donna vuole il potere e vuole averlo da maschio allo stesso modo tradirà ucciderà prevaricherà. Per

Prenotazioni

Clicca sull'evento o sulla data desiderata in calendario, e usa il tasto verde "prenota".

I posti sono limitati e diversamente rischi di restare fuori.

Calendario

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31

Sostieni il Molo

 

 


SOCIALITÀ

 

 

 


TEATRO

 

 

 


MUSICA

 

 

 


CULTURA

 

i corsi del Molo

Il Molo in versione SPP - Scuola Popolare Piratesca.
Corsi, seminari, laboratori, dall'antiginnastica al teatro, dallo yoga al vino naturale, dalla scrittura collettiva all'astrosofia.
    Leggi tutto ->

Date prossimi corsi

07
Dic
Ora: 18:30

rassegna "Esodi, migranti e dintorni"

Qualsiasi fenomeno moderno ha una versione mediatica e una che lo è meno, succede così anche per i migranti.

Che da qualche anno ormai e ancor più con gli ultimi governi sembrano essere diventati l’ago della bilancia, la variabile impazzita in grado di condizionare favorire e rovesciare politiche, poltrone, ministeri e istituzioni.

Di Carola Rackete e di altre giovani capitane, delle navi stracariche di umanità dolente, dei viaggi infiniti attraverso il mediterraneo abbiamo visto e vedremo migliaia di video e fotografie, ascoltato tutto e il contrario di tutto, scandagliato e assorbito le immagini fino quasi a farle diventare la nostra quotidianità.

Esistono però migrazioni più silenziose, che fanno meno scalpore, che non finiscono dentro ogni Tiggì, nei comizi elettorali e nei dibattiti perenni dei salotti di Giletti o Brunovespa.

Sono quelle che avvengono perlopiù a piedi, via terra, attraverso le montagne, che affrontano - quasi sempre di notte - valichi e fiumi di fango e sofferenza. Viaggi da inferno a inferno, ostici e sfinenti, sorretti da quella forza che qualcuno chiama disperazione, dai sogni e dalle utopie e, per fortuna, anche da sparuti ma fondamentali brandelli di solidarietà.

Ve le raccontiamo in alcuni dei nostri prossimi appuntamenti culturali, accompagnati da chi – in vari modi e a vario titolo – queste migrazioni le ha vissute, scritte, fotografate e raccontate molto da vicino.


(rassegna 2020)

il Molo è socio di:

Free Joomla! templates by Engine Templates