il cibo

Inzuppa tre code di rospo nel latte di allodola , mescolaci le scaglie di lucertola amaranta, fai mantecare il tutto sotto i raggi di una luna piena; aggiungici un pizzico di sale musicale, cuoci per mezzora e tre quarti a menoquarantagradi, poi servi ancora tiepido....

Gli ingredienti della cucina di Lilith non avranno nulla di magico. La magia starà nel sceglierli, combinarli, offrirveli. Ricette da streghe e ricette dei poveri, cocktails etici e intrugli biologici, prelibatezze mixate dall'estro dei nostri fantasmagorici cuochi d'essai...

Il molo di Lilith è un presidio di resistenza gastronomica.
Lontano dai supermercati, dai grandi gruppi agroalimentari, dai cibi geneticamente modificati, per tenere alta la bandiera dei piccoli produttori locali, dei gruppi d'acquisto solidali, alla ricerca di forme di agricoltura ecocompatibili e di produzione etica.
Anche il cibo diventa scelta politica quotidiana.
Naturalmente gustosa.

 


Dio fece il cibo, ma certo il diavolo fece i cuochi

James Joyce

 

 

Non c'è amore più sincero di quello per il cibo.

George Bernard Shaw

Condividi

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to Twitter