Gipsy Jazz Connections #1

spettacoli
 Registrazioni chiuse
 
17
django-reinhardt
Data: Gio 2 Feb 21:30

Giangiacomo Rosso - chitarra.
Mathieu Chatelain - chitarra.
Pippi Dimonte - contrabbasso.

Il primo progetto musicale a nome di Giangiacomo Rosso nasce dall'idea di creare connessioni musicali tra diversi musicisti incontrati in Italia e in Europa nel corso degli anni, grazie a concerti e festival.
Il file rouge che lega questo progetto è la musica di Django Reinhardt, il Jazz Manouche, rivisitata e reinterpretata secondo le diverse influenze ed esperienze professionali dei musicisti.

Mathieu Chatelain, compositore e chitarrista d'eccezione, ha imparato a suonare la chitarra con gli zingari in Alsazia, si è poi unito alla band Jazzy Strings in Belgio. Dopo aver viaggiato in lungo e in largo tra Belgio, Spagna e Stati Uniti, si è stabilito a Parigi.
Negli anni, ha suonato con i più grandi nomi della scena gipsy jazz, da Bireli Lagrene a Samson Schmitt, da Angelo Debarre a Tchavolo e Dorado Schmitt.

Pippi Dimonte è bassista, contrabbassista e compositore, diplomato al Conservatorio di Bologna.
Presto chiamato a far parte dell'Orchestra Nazionale dei Conservatori diretta da Franco Piersanti (autore delle musiche del Commissario Montalbano) per uno spettacolo con il regista Nanni Moretti, inizia una serie di collaborazioni a tutto campo, con musicisti di fama internazionale quali Antoine Boyer, Sebastien Ginieux, Adrien Moignard, Tolga During, Nilza Costa, Tchavolo Schmitt ecc. Ha suonato in club e teatri di vari paesi quali Spagna, Francia, Olanda, Svizzera, Germania, Polonia, Romania, Slovenia, e persino in Cina.

Giangiacomo Rosso, meglio noto come "Jack", è colui senza il quale il Manouche a Torino non esisterebbe. O perlomeno non sarebbe lo stesso.
La sua chitarra gipsy ha guidato negli anni, con estro e passione, i Gipsy Accident, band torinese molto attiva sulle scene metropolitane e oltre,
la Sweet Life Society per un progetto di electroswing moderno, i Dusty Jazz Blasters, orchestra di swing tradizionale, gli Hot Club ed Turin, la band jazz più sexy del pianeta.
Ha collaborato con così tanti musicisti di fama nazionale e internazionale che lo spazio non basta per elencarli tutti.
Molto meglio venire a sentirlo di persona.

 

Posti disponibili
71
Numero di posti
88

 

Altre date


  • Gio 2 Feb 21:30
Free Joomla! templates by Engine Templates