Ma dietro le sbarre c'è altro

cultura
 Registrazioni chiuse
 
0
Data: Mar 11 Dic 21:30

Luogo: sala Teatro

Annamaria Frammartino, psicoterapeuta che opera in carcere.


C'è altro, qui dentro.

Ci sono anime, racconti, storie di vita tra giustizia e ingiustizia raccolte nello spazio del colloquio intimo tra detenuto e psicologa, tra uomo e donna,
tra l'io e il suo specchio in frantumi.
Uno spazio in cui i protagonisti possono portare incubi, ferite, colpe ma anche poesie, desideri semplici e impossibili, talenti inespressi o castigati,
amori violenti e crudeli, paure, rabbia e lacrime.

Chi é G? Un caso di cronaca? Un crimine? Una diagnosi? Una condanna? O piú drammaticamente un uomo con la passione per la cucina, tradito dalle donne,
dalla vita e infine da se stesso?

"La prima volta che entri dentro ti accorgi che è un'immersione. Senza bombole, senza ossigeno se non quello che puoi raccogliere a pieni polmoni prima di entrare.
Prendi fiato, gonfi cassa e diaframma e trattenendo il respiro, vai. Il primo cancello separa la città dei vivi dalla città degli uomini in divisa,
il secondo cancello separa la città dalla città dei morti".

 

 

Altre date


  • Mar 11 Dic 21:30