dal basso

Un progetto costruito e finanziato dal basso, con oltre settanta sostenitori.
Che hanno partecipato attraverso fidejussioni, prestiti, donazioni, contributi in lavoro professionale volontario.

O ancora, con attrezzature e materiali messi a disposizione, per costruire una rete di economia solidale attraverso il riciclo, con quello che è accatastato in cantina, nella casa della nonna, quello che è messo da parte ma ancora valido e funzionante, quello che è bello sapere che verrà usato al Molo, quello che si può evitare di comprare se qualcuno lo regala.

E senza nessun finanziamento pubblico, bancario o politico.

 

Una scommessa forse ambiziosa, forse incosciente, forse beffarda.
Che risiede nella convinzione di Kerouac sulla necessità di avere a che fare con i pazzi.

"L'unica gente possibile sono i pazzi,
quelli che sono pazzi di vita, pazzi per parlare, pazzi per essere salvati,
vogliosi di ogni cosa allo stesso tempo,
quelli che mai sbadigliano o dicono un luogo comune,
ma bruciano, bruciano, bruciano, come favolosi fuochi artificiali color giallo
che esplodono come ragni attraverso le stelle
e nel mezzo si vede la luce azzurra dello scoppio centrale
e tutti fanno Oooohhh!"

Condividi

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to Twitter