Er camaleonte e la farfalla

Un giorno la farfalla
stanca de danzà ner cielo,
s'agnede a riposa l' ali,
su 'n ber fiore de melo. Nascosto tra le fronne
er camaleonte la spiava, lei se ne accorse e dall' arto
lo disprezzava: -che t'ho fatto- s' avvicinò,

affranto dar dolore, -sei n' poraccio perchè nun
c'hai n' colore- Lui ja rispose -vabbè ma c' ho
n' anima e n' cervello- e lei -ma sei solo e brutto,
oggi conta solo quello.
Goffo je s' avvicinò piano piano, e sussurò fissandola un pò strano -
Ricordete, oh mia bella farfallona, che ortre ad esse brava e bella,
sei pure bona.
Era proprio n' bocconcino appetitoso,
cosi je diede n' bacio cor linguone appiccicoso.
Nella vita nun basta
esse bravo e bello,
devi ave core e n' pochino
de cervello.

Trilussa

Condividi

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to Twitter